X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Utilizzabili a fini risarcitori i dati cancellati dal computer e poi recuperati

Per i giudici di legittimità prevale il diritto di difesa su quello alla riservatezza della corrispondenza

/ Giada GIANOLA

Sabato, 13 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 33809, pubblicata ieri, 12 novembre 2021, affronta un tema particolarmente interessante, vale a dire quello della utilizzabilità a fini risarcitori di dati e documenti contenuti in un personal computer che siano stati dolosamente cancellati dal dipendente prima della riconsegna del dispositivo all’azienda e, successivamente, recuperati dal datore di lavoro grazie all’intervento di tecnici specializzati.

Nello specifico il caso trattato dalla citata sentenza riguarda un dirigente che aveva violato, attraverso diverse condotte, l’obbligo di fedeltà ponendo in essere dei comportamenti integranti una concorrenza sleale ai danni dell’azienda. La società ne aveva accertato la responsabilità acquisendo delle conversazioni scritte effettuate ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU