X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Presunzione dei «netti patrimoniali» con il dubbio dei processi in corso

/ Maurizio MEOLI

Martedì, 30 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In relazione alla disciplina introdotta dal Codice della crisi (DLgs. 14/2019) in materia di determinazione dei danni imputabili agli amministratori di società per indebita prosecuzione dell’attività sociale, in vigore dal 16 marzo 2019, sussistono differenti ricostruzioni circa l’applicabilità o meno ai giudizi già pendenti alla medesima data.

L’art. 378 comma 2 del DLgs. 14/2019, si ricorda, ha aggiunto all’art. 2486 c.c. un terzo comma secondo il quale, quando è accertata la responsabilità degli amministratori che, nonostante il verificarsi di una causa di scioglimento della società, non si siano limitati a gestire la stessa a soli fini conservativi, “salva la prova di un diverso ammontare, il danno risarcibile si presume pari alla differenza tra il patrimonio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU