Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Frodi ricerca e sviluppo con tutela di chi sostiene le spese

/ Alfio CISSELLO

Lunedì, 6 dicembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Gli operatori del diritto tributario, in primis difensori, giudici e funzionari dell’Agenzia delle Entrate, devono prepararsi ad affrontare un tema relativamente nuovo nel panorama giuridico attuale: le frodi inerenti ai crediti di imposta istituiti dalla legislazione speciale tipicamente da indicare nel quadro RU del modello REDDITI.
Si tratta principalmente del bonus ricerca e sviluppo, ma ciò ben potrà riguardare altri crediti di imposta.

È bene premettere che la frode più attuarsi in varie forme: dalla più elementare (il contribuente, dal nulla, si inventa il credito di imposta e lo indica nel quadro RU per poi utilizzarlo in compensazione) a fenomenologie più complesse, caratterizzate dalla presenza di soggetti interposti e da società che solo formalmente svolgono attività di ricerca. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU