Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

L’elemento soggettivo tutela la «testa di legno» dalle distrazioni del gestore di fatto

/ Maurizio MEOLI

Venerdì, 21 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per configurare la responsabilità dell’amministratore di diritto per concorso nelle distrazioni perpetrate dall’amministratore di fatto, si fa leva, dal punto di vista dell’elemento oggettivo, sull’art. 40 comma 2 c.p. – ai sensi del quale, il non impedire un evento, che si ha l’obbligo giuridico di impedire, equivale a cagionarlo – e sulle previsioni del codice civile che lo riempiono di contenuto (cfr. in particolare l’art. 2392 c.c.).

Quanto al profilo soggettivo, invece, sovente si ritrova l’affermazione secondo la quale per integrare il dolo del primo sarebbe sufficiente la “generica consapevolezza” che il secondo compia una delle condotte indicate nell’art. 216 comma 1 n. 1 del RD 267/1942, senza che sia necessario che tale consapevolezza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU