Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rivalsa IVA post accertamento anche se cambia la partita IVA del committente

La rivalsa è possibile se il committente è una persona fisica che continua a esercitare la stessa attività

/ Mirco GAZZERA

Sabato, 22 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Un soggetto passivo può chiedere la riapertura della partita IVA ed emettere note di variazione in aumento, al fine di esercitare la rivalsa dell’imposta versata in sede di adesione, intestando il documento alla nuova partita IVA del committente. Si tratta del chiarimento fornito dall’Agenzia delle Entrate nella risposta a interpello n. 41 pubblicata ieri, 21 gennaio 2022.

Il caso esaminato riguarda una professionista che ha fruito del previgente regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile (art. 27 del DL 98/2011), pur in assenza dei relativi requisiti di legge. Tale violazione è stata definita tramite accertamento con adesione. Le fatture emesse senza applicazione dell’IVA si riferiscono, per l’importo maggiore, alle operazioni effettuate dal predetto soggetto

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU