Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Ai fini fiscali non è atto realizzativo la conversione tra azioni di diversa categoria

L’Amministrazione finanziaria supera implicitamente la risposta n. 818/2021, che aveva generato non pochi dubbi tra gli operatori

/ Luca MIELE

Sabato, 22 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

La conversione tra azioni di diversa categoria non è considerata un atto realizzativo ai fini fiscali e quindi non determina alcuna interruzione agli effetti dell’applicazione del requisito del c.d. holding period rilevante ai fini della participation exemption di cui all’art. 87 del TUIR; il periodo di possesso delle azioni decorre senza soluzione di continuità dal momento di sottoscrizione delle azioni “originarie” che incorporano il diritto alla conversione. In altre parole, al momento della cessione delle azioni, ai fini della verifica del requisito dell’art. 87 comma 1 lett. a) del TUIR occorre sommare il periodo di possesso delle azioni ante conversione e il periodo di possesso delle azioni post conversione.
Tale interpretazione, pienamente condivisibile, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU