Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

L’assegno all’ex coniuge non salva dalla bancarotta fraudolenta

/ REDAZIONE

Mercoledì, 26 gennaio 2022

x
STAMPA

La Cassazione, nella sentenza n. 2702/2022, ha ribadito che valgono a integrare la fattispecie di bancarotta semplice, di cui all’art. 217 comma 1 n. 1 del RD 267/1942, soltanto quelle spese personali o per la famiglia che, pur essendo razionali e più o meno connesse alla vita dell’azienda, risultano sproporzionate rispetto alla capacità economica dell’imprenditore (cfr. Cass. n. 51242/2019).

Non possono, quindi, ritenersi tali esborsi oggettivamente esorbitanti rispetto ai profitti conseguiti da attività in stato di dissesto (520.000 euro) e asseritamente giustificati dall’obbligo di pagare gli alimenti all’ex coniuge.

Queste spese, infatti, piuttosto che non necessarie, si sostanziano in una vera e propria dissipazione rilevante quale bancarotta fraudolenta (ex art. 216 comma 1 n. 1 del RD 267/1942), in quanto ben avrebbero potuto – e dovuto – essere ridotte mediante revisione delle statuizioni civilistiche.

TORNA SU