Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 27 novembre 2022

LETTERE

Va garantito il turnover nell’assegnare gli incarichi ai delegati alla vendita

Martedì, 18 ottobre 2022

x
STAMPA

Gentile Redazione,
in riferimento a quanto riportato nell’articolo “Da modificare la nuova disciplina sull’elenco dei delegati alle vendite” pubblicato il 12 ottobre, mi sembra opportuno esternare le sottostanti considerazioni.
Sebbene condivida in buona parte quanto sostenuto dalla Segretaria del CNDCEC, vorrei aggiungere alcune personali considerazioni, che credo diversi altri colleghi condivideranno.
A mio personale avviso non basta preoccuparsi di come venga formato l’elenco, ossia dei requisiti che legittimano l’iscrizione al medesimo, se poi, nella pratica, l’inserimento in detto elenco è fine a sé stesso: sarebbe molto più importante che il Consiglio nazionale chiedesse una norma che preveda e soprattutto garantisca un turnover nell’assegnazione degli incarichi tra i professionisti iscritti, giacché, se i giudici non hanno né la voglia né l’obbligo di consultare l’elenco e si limitano ad affidare le pratiche, a ripetizione, a una cerchia ristretta di iscritti a discapito di tutti gli altri (consuetudine a oggi ben radicata e dimostrabile),  allora è inutile fare campagne mediatiche di protesta sui requisiti di iscrizione.

Peraltro, va da sé che se non si appartiene alla ristretta cerchia di professionisti che normalmente ricevono gli incarichi in questione, risulterà: impossibile aver maturato esperienza nell’ambito negli ultimi anni; inutile aver concluso nel rispetto dei modi e nei termini previsti i pochi incarichi ricevuti; controproducente valutare di investire tempo e denaro per frequentare corsi finalizzati ad acquisire la competenza eventualmente richiesta e non ancora maturata.

A conclusione di quanto sopra, quindi, riterrei auspicabile che il CNDCEC si facesse carico non solo di difendere le competenze della nostra categoria professionale ampiamente sottovalutate dalla normativa in questione, ma anche di difendere e garantire nel concreto una sorta di eguaglianza tra coloro che acquisiscono e presentano i requisiti e le competenze per ricevere gli incarichi.


Graziano Taramasso
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Savona

TORNA SU