ACCEDI
Martedì, 27 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Neutralizzazione valida anche per le pensioni dei marittimi

Per la Consulta va applicata nel caso in cui il «prolungamento contributivo» consegua la riduzione dell’assegno pensionistico

/ Luca MAMONE

Giovedì, 10 novembre 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 224/2022, la Corte Costituzionale è intervenuta in materia di determinazione dei trattamenti pensionistici dei lavoratori del settore marittimo.

Con l’occasione, i giudici della Consulta hanno dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 3 comma 8 della L. 297/82 (Norme in materia pensionistica) in combinato disposto con l’art. 24 della L. 413/84 (Riordinamento pensionistico dei lavoratori marittimi), nella parte in cui non si consente la neutralizzazione del c.d. “prolungamento contributivo” previsto da quest’ultima norma per il calcolo della pensione di vecchiaia in favore dei lavoratori marittimi che hanno raggiunto il diritto a pensione, quando il predetto prolungamento determini un risultato sfavorevole nel calcolo dell’importo

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU