ACCEDI
Martedì, 27 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

I sindaci sono tenuti a valutare se il compenso proposto sia «equo»

Le nuove Norme di comportamento predisposte dal CNDCEC tengono conto della L. 49/2023 in materia di equo compenso per i professionisti

/ Monica VALINOTTI

Giovedì, 16 novembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il 14 novembre scorso il CNDCEC ha posto in pubblica consultazione le nuove Norme di comportamento rivolte ai sindaci delle società non quotate.

Tra i diversi temi trattati, tra cui il ruolo dei Collegi sindacali nell’ambito della disciplina della crisi d’impresa (si veda “In consultazione le nuove norme di comportamento dei sindaci delle non quotate” del 15 novembre 2023), riemerge quello del compenso e della sua necessaria adeguatezza.

Sul punto, la Norma di comportamento 1.5 precisa che il candidato sindaco deve valutare l’adeguatezza del compenso tenendo conto anche dell’applicabilità alla società delle norme di cui alla L. 49/2023, disciplinante il c.d. “equo compenso” per i professionisti.

Nell’effettuare tale valutazione, quindi, il ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU