ACCEDI
Mercoledì, 29 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Risarcimento per violazioni della privacy anche con negligenza dei collaboratori

L’esonero da responsabilità previsto dal GDPR si applica solo se manca il nesso di causalità tra danno e violazione

/ Alberto GIRINELLI

Venerdì, 12 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le violazioni delle disposizioni del GDPR possono esporre il titolare del trattamento sia alle sanzioni irrogate dal Garante della privacy, sia alle richieste di risarcimento da parte degli interessati danneggiati da tali condotte; secondo quanto previsto dall’art. 82 del Reg. Ue 2016/679, infatti, chiunque subisca un danno materiale o immateriale causato da una violazione del GDPR ha il diritto di ottenere il risarcimento del danno, dal titolare del trattamento o dal responsabile del trattamento.

Tali soggetti possono tuttavia sottrarsi alle proprie responsabilità, a condizione che dimostrino che l’evento dannoso non sia in alcun modo a loro imputabile.
A tal fine, secondo quanto chiarito dalla Corte di Giustizia Ue con la sentenza di ieri, 11 aprile 2024, relativa alla causa C-741/21,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU