X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 14 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Ritenute negli appalti, limite riferito a tutti i contratti dell’anno con la stessa impresa

Per disapplicare la nuova disciplina i requisiti dell’attività e dei versamenti sono cumulativi

/ Massimo NEGRO

Martedì, 14 gennaio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La nuova disciplina relativa al versamento delle ritenute in caso di appalto o di affidamento di opere e servizi si applica a tutti i contratti concessi e ancora in essere con la stessa impresa al momento del superamento della soglia annua di 200.000 euro; per disapplicare la norma occorre che sussistano sia il requisito di attività almeno triennale, sia che i versamenti complessivi registrati nel conto fiscale siano di importo non inferiore al 10% dell’ammontare dei ricavi o compensi risultanti dalle dichiarazioni dei redditi presentate nell’ultimo triennio; rientrano nell’ambito applicativo anche le Agenzia per il lavoro, mentre non occorre compilare un modello F24 per ciascun lavoratore impiegato presso lo stesso committente.

Sono questi i chiarimenti dell’Agenzia ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU