X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Costi di transazione su finanziamenti rilevati al valore nominale senza limiti alla deducibilità

I componenti di reddito in esame non sono qualificati fiscalmente come interessi passivi

/ Silvia LATORRACA

Giovedì, 16 gennaio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La norma di comportamento n. 207/2020 dell’Associazione italiana dottori commercialisti ed esperti contabili ha fornito chiarimenti in merito al trattamento fiscale, in ambito IRES e IRAP, dei costi di transazione su finanziamenti rilevati al valore nominale.

Si ricorda che, ai sensi dell’art. 2426 comma 1 n. 8 c.c. (come sostituito dal DLgs. 139/2015 con effetto sui bilanci relativi agli esercizi finanziari aventi inizio a partire dal 1° gennaio 2016), i debiti sono rilevati in bilancio secondo il criterio del costo ammortizzato.
Conseguentemente, i relativi costi di transazione sono inclusi nel calcolo del costo ammortizzato e ammortizzati lungo la durata attesa del debito (OIC 19).

L’utilizzo del criterio del costo ammortizzato è obbligatorio per le sole società di grandi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU