X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 26 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Patrimonio personale a rischio nella holding di fatto familiare

L’illecita attività di direzione e coordinamento può ripercuotersi anche sulle persone fisiche

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 26 ottobre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Rischiano il proprio personale patrimonio i coniugi che cogestiscono società con il comune intento di realizzare un profitto personale a scapito delle stesse, potendo fallire in esito al fallimento della holding familiare di fatto tra gli stessi ravvisabile.
Sono queste, in estrema sintesi, le implicazioni che emergono dalla sentenza n. 86 del Tribunale di Vicenza del 6 ottobre scorso.

Il caso di specie riguarda due coniugi (Tizio e Caia) titolari di due srl (di cui sono soci unici e amministratori unici): la Alfa srl e la Beta srl. Il fallimento di quest’ultima faceva nascere l’esigenza di coinvolgere i coniugi a prescindere dall’autonomia patrimoniale perfetta correlata alla personalità giuridica della fallita.
Si evidenziava, quindi, come: la Alfa srl affittava alla Beta srl

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU