X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 26 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Non è motivo di appello la questione di legittimità costituzionale non esaminata

Secondo la Cassazione non costituisce neppure un vizio di omessa pronunzia nel giudizio di legittimità

/ Antonino RUSSO

Lunedì, 26 ottobre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il mancato esame di una questione di legittimità costituzionale non può formare oggetto di appello e non costituisce, corrispondentemente, vizio di omessa pronunzia nel giudizio di legittimità.
Tale principio (valido, come si riferirà in seguito, anche in relazione al processo tributario) è stato affermato dalla Corte di Cassazione, con la sentenza n. 10524 del 3 giugno 2020, in un giudizio civile sorto per iniziativa di una società di persone che proponeva opposizione avverso un decreto ingiuntivo deducendo di essere creditrice di una somma, maggiore di quella ingiunta, in ragione dell’acquisto di merci poi neanche ricevute in possesso.

Il Tribunale rigettava, per difetto di prove, l’opposizione e la domanda riconvenzionale interposta condannando l’opponente al pagamento delle ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU