Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Convenzione con San Marino con deviazioni rispetto al modello OCSE

Attenzione particolare ai rapporti di lavoro autonomo, con diritti estesi per lo Stato del committente

/ Gianluca ODETTO

Mercoledì, 5 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e San Marino e il relativo Protocollo di modifica del 2012 presentano alcune particolarità rispetto al modello standard dell’OCSE, delle quali occorre tenere conto nella gestione dei flussi di reddito, molto consistenti, tra i due Stati.

I dividendi, gli interessi e le royalties scontano, nello Stato della fonte, le aliquote rispettive del 15%, del 13% e del 10%. Gli artt. 10, 11 e 12 del Trattato, così come emendati dal Protocollo di modifica, recepiscono però nei fatti le direttive europee 2011/96/Ue (per i dividendi) e 2003/49/Ce (per gli interessi e le royalties), prevedendo l’aliquota zero per i flussi che coinvolgono le società di capitali dei due Stati, in presenza di una partecipazione minima del 10% (per i dividendi) ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU