Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Mai obbligatoria la tassazione separata della plusvalenza da cessione d’azienda

Se sussistono i presupposti si può, a seconda dei casi, esercitare l’opzione o non avvalersi della tassazione in dichiarazione dei redditi

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 19 aprile 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

In presenza di determinati presupposti soggettivi ed oggettivi, la plusvalenza realizzata mediante la cessione di un complesso aziendale può essere assoggetta tassazione separata.

L’art. 17 comma 1 lett. g) del TUIR contempla infatti tra i redditi suscettibili di tassazione separata anche le “plusvalenze, compreso il valore di avviamento, realizzate mediante cessione a titolo oneroso di aziende possedute da più di cinque anni”.
Giova sottolineare che, ai fini della verifica del requisito temporale di possesso:
- è possibile computare anche il periodo in cui l’azienda è stata eventualmente concessa in affitto o usufrutto (C.M. 19 dicembre 1997 n. 320, § 1.2.2);
- per le aziende ricevute in forza di atti di donazione fiscalmente neutrale ex art. 58 del TUIR, è possibile computare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU