Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Doppio requisito per l’esenzione IMU sulla parte dell’abitazione in possesso

/ Stefano SPINA e Arianna ZENI

Giovedì, 7 luglio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’abitazione principale non costituisce presupposto impositivo ai fini dell’IMU, a meno che si tratti di un’unità abitativa classificata nelle categorie catastali A/1, A/8 o A/9 (art. 1 comma 740 della L. 160/2019). Per fruire dell’esenzione, tuttavia, occorre che il possessore e i componenti del suo nucleo familiare non solo dimorino abitualmente nell’immobile ma vi risiedano anagraficamente.

Dunque, la norma richiede la compresenza di un elemento formale (residenza anagrafica) e uno sostanziale (dimora abituale) da riscontrarsi non solo in capo al soggetto passivo, ma anche ai componenti del suo nucleo familiare. In mancanza di questo doppio requisito, l’immobile è da considerarsi “a disposizione” ed è assoggettato ad IMU con applicazione dell’aliquota

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU