ACCEDI
Mercoledì, 21 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Errori in reverse charge con possibilità di restituzione dell’IVA

Nel caso di operazioni esenti in reverse charge si può ricorrere al rimborso poiché espressamente previsto dall’art. 6 comma 9-bis.3 del DLgs. 471/97

/ REDAZIONE

Mercoledì, 8 febbraio 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

La risposta a interpello dell’Agenzia delle Entrate n. 203/2023 di ieri ha esaminato le modalità di recupero dell’imposta a fronte dell’errata applicazione del reverse charge ai sensi dell’art. 6 comma 9-bis.3 del DLgs. 471/97.

Nel caso di specie, una società stabilita in Italia aveva ricevuto prestazioni di servizi applicando l’IVA (con aliquota ordinaria) secondo il meccanismo del reverse charge, invece di qualificare correttamente le prestazioni come esenti dal tributo.
In applicazione del richiamato art. 6 comma 9-bis.3, la società chiedeva di poter accedere al rimborso dell’imposta (in alterativa all’emissione di una nota di variazione in diminuzione).

Detta facoltà è riconosciuta dall’Agenzia delle Entrate, la quale, con la risposta a interpello, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU