ACCEDI
Venerdì, 12 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Equo compenso in dubbio nelle gare per servizi di architettura e ingegneria

/ Monica VALINOTTI

Venerdì, 24 maggio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La L. 49/2023 – che ha introdotto l’equo compenso per i professionisti – ha generato contrasti in ordine alla sua applicabilità alle gare pubbliche di appalto aventi a oggetto l’affidamento di servizi di architettura e di ingegneria.
In particolare, l’ANAC ha espresso forti dubbi circa la compatibilità della disciplina dell’equo compenso rispetto a quella che regolamenta lo svolgimento delle gare pubbliche, di cui al DLgs. 36/2023 (e, prima, al DLgs. 50/2016).

L’Autorità ha sostenuto che il rapporto tra la normativa sull’equo compenso e quella recata dal Codice dei contratti in tema di appalti di servizi di ingegneria e architettura suscita “dubbi e perplessità” e che l’assenza di chiare indicazioni normative e di orientamenti giurisprudenziali ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU