ACCEDI
Sabato, 20 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Cause indipendenti dall’imprenditore disapplicano le società di comodo

Occorre dimostrare l’impossibilità in senso economico di raggiungere gli standard di legge

/ Luisa CORSO

Sabato, 15 giugno 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, nelle ordinanze nn. 16600 e 16631 depositate ieri, 14 giugno 2024, ha affrontato due diverse casistiche di disapplicazione della normativa sulle società di comodo di cui all’art. 30 della L. 724/94.

Più nello specifico, la prima pronuncia ha ad oggetto l’affitto dell’unica azienda, adibita all’esercizio dell’attività di ristorazione; sebbene tale circostanza non sia ritenuta dalla Suprema Corte, di per sé, sufficiente a motivare la disapplicazione della disciplina, viene invece attribuita rilevanza, ai fini disapplicativi, alla presenza di condizioni oggettive che avevano reso impossibile il conseguimento dei ricavi minimi e del reddito minimo.

Si trattava, in particolare, della dimensione dell’azienda, del luogo nel quale essa si trovava, del ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU