X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Riporto delle perdite nelle scissioni, prime aperture alla norma

In attesa di una riscrittura dell’art. 173 del TUIR, l’Agenzia delle Entrate ha escluso che le perdite in capo alla scissa possano subire una riduzione

/ Emanuele LO PRESTI VENTURA

Martedì, 2 marzo 2010

x
STAMPA

La dottrina ha più volte sottolineato la necessità di una riscrittura dell’art. 173, comma 10, del TUIR, in tema di riporto delle perdite in caso di scissione, al fine di escludere dall’applicazione del test di legge quelle fattispecie palesemente prive di risvolti elusivi: il riferimento va in particolar modo alle scissioni che, non comportando alcuna unione tra aziende o beni diversi, sono inidonee a realizzare una qualunque illegittima compensazione tra utili e perdite maturate in capo a distinte società.

Una prima timida apertura a una rilettura della norma sembra comunque emergere dalla più recente prassi ministeriale: con risoluzione n. 168 del 30 giugno 2009, infatti, l’Agenzia delle Entrate, in merito alla scissione parziale sottoposta alla sua attenzione, ha escluso ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU