X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Troppi avvocati? Aumenta la litigiosità nei tribunali

È quanto sostiene lo studio di Carmignani e Giacomelli, ricercatrici di Banca d’Italia. Le associazioni degli avvocati non condividono la ricerca

/ Antonella MIGLIACCIO

Mercoledì, 17 marzo 2010

“Troppi avvocati? Litigiosità nei tribunali italiani”. Già il titolo la dice lunga sul contenuto dello studio di Amanda Carmignani e Silvia Giacomelli, ricercatrici della Banca d’Italia.

“La giustizia civile italiana si caratterizza rispetto ai principali paesi europei per l’elevata litigiosità”. È l’assunto di partenza del lavoro che si muove valutando se un numero maggiore di avvocati in una certa area geografica induca a un aumento della litigiosità. In sostanza, le due ricercatrici si chiedono se esiste una relazione tra il numero di avvocati e il numero di cause esistenti in Italia. L’analisi conclude che la relazione di fatto esiste ed è anche quantitativamente rilevante.

Lo studio, condotto su dati provinciali relativi al periodo 2000-2005 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU