X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Studi di settore e redditometro per ora restano separati

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che per procedere all’accertamento gli uffici devono verificare anche la situazione complessiva del contribuente

/ Paola RIVETTI

Lunedì, 15 marzo 2010

Gli elementi comprovanti i risultati degli studi di settore non sono ritratti dagli indici estrapolati dal redditometro. È questa la posizione dichiarata dall’Agenzia delle Entrate in occasione di Telefisco 2010 e recepita ufficialmente nella circolare n. 12 del del 12 marzo 2010 (§ 8.2).

Il chiarimento è stato reso in risposta a una domanda con la quale veniva chiesto se, a seguito delle sentenze n. 26635, 26636, 26637 e 26638 del 18 dicembre 2009 pronunciate dalle Sezioni Unite della Cassazione (le quali hanno sancito la valenza di presunzione semplice degli studi di settore e la necessità di integrare e adeguare i risultati dagli stessi ritratti con ulteriori elementi probatori), l’Agenzia delle Entrate avrebbe mutato il proprio orientamento circa l’utilizzo di elementi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU