X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Nel fallimento l’azione è riservata al curatore

Per poter agire contro l’amministratore, il terzo deve provare un danno diretto sul proprio patrimonio causato da atti illeciti dolosi o colposi

/ Maurizio MEOLI

Martedì, 30 marzo 2010

x
STAMPA

Se la condotta dell’amministratore determina la lesione dell’integrità del patrimonio sociale, con conseguente insufficienza dell’attivo nell’ambito del successivo fallimento, la “mala gestio” colpisce tutti i creditori sociali e legittima il solo curatore all’esercizio dell’azione di cui all’art. 2394 del codice civile (ex art. 146 del RD 267/42).
Il terzo, per poter agire nei confronti dell’amministratore stesso, deve provare un danno diretto sul proprio patrimonio quale conseguenza di atti illeciti dolosi o colposi.

A stabilirlo è la sentenza n. 6870 del 22 marzo 2010 della Corte di Cassazione, riprendendo orientamenti già espressi in precedenti pronunce.
È vero, infatti, che l’art. 2395 del codice civile legittima il terzo, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU