X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Rettifica della detrazione IVA per le imprese di costruzione

/ Enrico ZANETTI

Mercoledì, 26 maggio 2010

x
STAMPA

A distanza di quattro anni dall’entrata in vigore del “famigerato” DL 223/2006, si moltiplicano i casi in cui le imprese di costruzione e ristrutturazione immobiliare devono fare i conti con l’obbligo della rettifica della detrazione IVA, ai sensi dell’art. 19-bis2 del DPR 633/1972.
Il DL 223/2006 ha infatti ampliato il novero delle operazioni immobiliari esenti ai fini IVA e, se per le operazioni aventi per oggetto fabbricati strumentali è sempre possibile optare per il regime di imponibilità IVA, per le operazioni aventi per oggetto fabbricati abitativi non esistono regimi opzionali di imponibilità: quando la cessione è esente IVA, tale rimane.

Si tratta, in particolare, del caso della cessione di un fabbricato abitativo da parte dell’impresa che lo ha costruito ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU