X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

La condizione sospensiva blocca la plusvalenza

/ Alessandro COTTO

Lunedì, 31 maggio 2010

x
STAMPA

Può succedere che la cessione di un bene sia sottoposta ad una condizione sospensiva, vale a dire un accadimento futuro ed incerto dal quale le parti fanno dipendere l’efficacia del contratto.
Così l’acquisizione di un immobile può essere subordinata al rilascio di un permesso urbanistico, la cessione di un impianto all’effettuazione del collaudo. In questi casi sorge il dubbio di come trattare, tanto dal punto di vista civilistico quanto da quello fiscale, gli eventuali componenti reddituali connessi alla predetta cessione (ad esempio, le plusvalenze).

L’art. 1360 del c.c. dispone infatti che gli effetti dell’avveramento della condizione retroagiscono al momento in cui è stato concluso il contratto, salvo che, per volontà delle parti o per la natura del rapporto, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU