X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Nodo sanzioni su elusione e abuso del diritto

/ Enrico ZANETTI

Giovedì, 3 giugno 2010

x
STAMPA

Quella dell’applicazione delle sanzioni connesse al recupero a tassazione operato dall’Amministrazione finanziaria in forza del disconoscimento degli effetti fiscali di un comportamento rivelatosi elusivo, è una questione particolarmente controversa a livello interpretativo.
Sul punto, si contrappongono due tesi diametralmente opposte.

La prima tesi, favorevole all’applicabilità delle sanzioni connesse al comportamento elusivo del contribuente, ritiene che l’elusione determini comunque il presupposto della “dichiarazione infedele”, perché non rileverebbero le modalità attraverso le quali il contribuente ha liquidato l’imposta in misura inferiore, rispetto a quella accertata in sede di riqualificazione del regime fiscale applicabile al comportamento contestato.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU