ACCEDI
Venerdì, 12 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Dubbi su un nuovo interpello per chi non applica la disciplina CFC

/ Marco PIAZZA

Venerdì, 18 giugno 2010

x
STAMPA

I contribuenti che detengono il controllo o collegamento di società residenti o localizzate nei Paesi a bassa fiscalità di cui al DM 21 novembre 2001 e che fino all’esercizio in corso al 1° luglio 2009 non applicano la disciplina CFC per aver ottenuto una risposta positiva ad un interpello basato sulla cosiddetta “prima esimente”, si trovano - con riferimento all’esercizio successivo - nella necessità di decidere se presentare o meno un nuovo interpello in seguito alle modifiche introdotte, con il DL 78 del 2009, all’art. 167, comma 5-bis del TUIR (che, come ha precisato l’Agenzie delle Entrate nel comunicato stampa del 5 febbraio 2010, ha effetto dall’esercizio successivo a quello in corso al 1° luglio). La cosiddetta “prima esimente” è ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU