ACCEDI
Venerdì, 12 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Commercialisti ai domiciliari per un giro di tangenti a Vicenza

I commenti degli Ordini territoriali e del CNDCEC sul coinvolgimento di alcuni professionisti nella maxi-operazione di Procura e Guardia di Finanza

/ REDAZIONE

Giovedì, 17 giugno 2010

x
STAMPA

Sette commercialisti (ai domiciliari) e un funzionario dell’Agenzia delle Entrate sarebbero stati arrestati ieri nell’ambito di una maxi-operazione anticorruzione della Procura e della Guardia di Finanza di Vicenza in corso, denominata RESET. Sarebbero inoltre indagate 77 persone, tra imprenditori, commercialisti e pubblici ufficiali, per un giro di presunte tangenti per due milioni di euro, finalizzato a evitare i controlli fiscali o a farsi ridurre drasticamente le multe e le tasse da versare allo Stato. Eseguite, inoltre, nella mattinata di ieri, 23 perquisizioni.

Stando alle indagini, il sistema serviva ad alleggerire o evitare del tutto le verifiche fiscali alle aziende che in questo modo potevano evadere il fisco senza pericolo di essere smascherate. Al momento, di certo, è ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU