X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 8 dicembre 2019

IL CASO DEL GIORNO

Possibile il sindacato sulla «reversibilità» dei compensi, ma con cautela

/ Alfio CISSELLO

Sabato, 21 agosto 2010

I compensi “reversibili” erogati agli amministratori di società sono spesso nel mirino dell’Amministrazione finanziaria, visti gli accertamenti emanati a vario titolo dalle Direzioni provinciali o dagli Uffici territoriali.
La questione riguarda, ad esempio, i compensi percepiti dal dirigente di una società controllante per l’incarico di amministrazione svolto presso una controllata, i quali siano successivamente “riversati” alla controllante.

Il Ministero delle Finanze, con la risoluzione n. 166 del 17 maggio 1977, ha precisato che tali compensi non rappresentano redditi per i consiglieri, “ma sono tassabili in capo alle società alle quali i compensi stessi sono riversati” … “sempre che, ovviamente, risulti documentato che i compensi sono ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU