X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Omaggi al vaglio del «valore unitario»

/ Pamela ALBERTI

Mercoledì, 1 dicembre 2010

x
STAMPA

Con l’avvicinarsi del periodo natalizio, le imprese acquistano beni per concederli a titolo di omaggio. Pare quindi opportuno mettere in luce quando le spese sostenute per l’acquisto di beni ceduti gratuitamente sono integralmente deducibili dal reddito d’impresa. A tal fine occorre distinguere tra omaggi destinati a clienti e omaggi destinati ai dipendenti dell’azienda stessa. Con riferimento alla prima ipotesi, si osserva che gli omaggi destinati ai clienti rientrano, in linea generale, nella fattispecie delle spese di rappresentanza prevista dall’art. 108 comma 2 del TUIR.

In linea generale, le spese sostenute per l’acquisto di beni ceduti gratuitamente sono integralmente deducibili se i beni non hanno valore superiore a 50 euro; diversamente, le stesse ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU