X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 24 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Allargata la produzione di documenti in appello

/ Alfio CISSELLO

Lunedì, 27 dicembre 2010

La parte che, in primo grado, per qualsiasi ragione, non abbia prodotto o abbia prodotto tardivamente i documenti può, in appello, provvedere al deposito degli stessi senza preclusioni, in quanto così ha deciso il Legislatore.
Infatti, l’art. 58 del DLgs. 546/92 sancisce espressamente che in appello è “sempre ammessa” la produzione di documenti, senza eccezioni di sorta, adottando una formulazione diversa da quella del codice di procedura civile che, all’art. 345 così come modificato dalla L. 69/2009, contempla, in virtù di un principio generale, che nel secondo grado di giudizio non possono essere prodotti nuovi documenti, “salvo che il collegio non li ritenga indispensabili ai fini della decisione della causa ovvero che la parte dimostri di non aver potuto proporli

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU