X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Litisconsorzio necessario con duplice domicilio fiscale

/ Alfio CISSELLO

Venerdì, 11 marzo 2011

x
STAMPA

È ormai pacifico che, negli accertamenti sui tributi imputati per trasparenza, tra soci e società sussista sempre un litisconsorzio necessario. Quindi, se uno dei litisconsorti (uno dei soci piuttosto che la società) impugna l’atto, tutti devono acquisire la qualità di parte nello stesso processo.

Per le Sezioni Unite (sentenza 14815/2008), il litisconsorzio necessario non viene meno se il socio avesse, per ipotesi, omesso di impugnare il provvedimento o, caso opposto, se l’Ufficio non avesse notificato ad uno dei soci l’atto del maggior reddito di partecipazione.

Ove società e soci abbiano un diverso domicilio fiscale (e l’Ufficio abbia notificato l’atto a tutti), il vincolo litisconsortile permane; quindi, se uno dei soci non ha proposto ricorso, il giudice ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU