X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 26 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Accertamento induttivo se ci sono errori nell’inventario

Per la C.T. Reg. di Torino, se gli errori sono tali da rendere inattendibile l’intero impianto contabile, l’Ufficio può ricostruire induttivamente i ricavi

/ Alessandro BORGOGLIO

Venerdì, 11 marzo 2011

x
STAMPA

È legittimo l’avviso di accertamento fondato sulla ricostruzione induttiva dei ricavi se le distinte inventariali esibite dal contribuente presentano macroscopici “errori”, tali da rendere la contabilità complessivamente inattendibile. Lo ha stabilito la C.T. Reg. Torino, con la sentenza del 7 marzo 2011, n. 29/24/11.

Un commerciante di articoli di cancelleria riceveva dall’Agenzia delle Entrate un avviso di accertamento, con cui l’Amministrazione finanziaria aveva ricostruito i suoi ricavi, giungendo alla quantificazione di maggiore materia imponibile.
L’Ufficio, dall’esame “a tavolino” della contabilità esibita dal contribuente su sua richiesta, aveva rilevato la presenza di diversi errori e irregolarità nelle distinte inventariali, tali ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU