X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

La valutazione delle partecipazioni nel bilancio 2010

Criteri differenti a seconda della specifica rappresentazione nell’attivo patrimoniale

/ Sandro CERATO e Michele BANA

Venerdì, 11 marzo 2011

x
STAMPA

La disciplina civilistica distingue la metodologia valutativa delle quote sociali detenute dall’impresa, in base all’iscrizione delle stesse tra le immobilizzazioni finanziarie oppure nell’attivo circolante: in particolare, il discrimine è costituito dalla natura strategica o meno della partecipazione. Le attività finanziarie detenute per la negoziazione devono essere iscritte nell’attivo circolante, per l’importo derivante dall’applicazione dell’art. 2426, comma 1, n. 9), c.c., ovvero del medesimo criterio di valutazione delle rimanenze di beni fungibili. Il costo di acquisto delle partecipazioni non immobilizzate deve, quindi, essere posto a confronto con il valore desumibile dall’andamento del mercato, il quale, se inferiore, rappresenta il

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU