Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 settembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Per l’adesione all’aumento di capitale è necessario il versamento?

/ Maurizio MEOLI

Martedì, 5 aprile 2011

x
STAMPA

Una recente ordinanza del Tribunale di Torino, del 7 luglio 2010, sembra aderire, contrariamente a quella che è l’opinione dominante, alla teoria che attribuisce al contratto di sottoscrizione dell’aumento di capitale natura “reale” (con necessità del versamento al momento della sottoscrizione) e non “consensuale” (che esclude la necessità dell’immediato versamento).

Secondo la prima (minoritaria) ricostruzione, ai fini del perfezionamento del contratto di sottoscrizione sarebbe necessaria non la sola dichiarazione di sottoscrizione, ma anche il versamento del 25% del valore nominale delle azioni o delle quote e dell’eventuale soprapprezzo; diversamente, la sottoscrizione non produrrebbe alcun effetto (cfr. Trib. Busto Arsizio 25 gennaio 2005 e ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU