X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 29 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Operazioni straordinarie, l’avente causa subentra nell’IVA

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 13 settembre 2011

x
STAMPA

Le operazioni di cessione o conferimento d’azienda possono comportare la cessazione dell’esercizio di attività di impresa da parte del dante causa delle operazioni medesime.
Ciò si verifica quando oggetto di cessione o conferimento è l’unica azienda (o, se più d’una, sono tutte le aziende) esercitata dal cedente o conferente.

In questi casi, alla cessione o al conferimento può accompagnarsi la contestuale estinzione della posizione IVA del cedente o del conferente, oppure tutt’al più può verificarsi un mantenimento della stessa ai soli fini del completamento della liquidazione dell’impresa.
L’estinzione della posizione IVA del dante causa è, invece, la diretta e unica conseguenza delle operazioni di fusione e di scissione, quando le stesse comportano l’estinzione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU