X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Beni in godimento e società trasparenti: maggior reddito in capo all’utilizzatore

Ciò comporta, però, una doppia tassazione in capo al socio utilizzatore, e criticità si rilevano anche qualora l’utilizzatore sia un familiare del socio

/ Paolo MENEGHETTI

Lunedì, 3 settembre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

La normativa del DL 138/2011, che penalizza la fattispecie della concessione di beni sociali ai soci a condizioni favorevoli rispetto a quelle di mercato, si applica a tutte le società che producono reddito d’impresa, quindi anche alle società in regime di trasparenza, siano esse di persone o di capitali. Per questi soggetti, tuttavia, la determinazione delle conseguenze fiscali in capo alla società concedente è diversa rispetto a quella agli altri soggetti. Infatti, il maggior reddito derivante dall’indeducibilità dei costi dei beni concessi in godimento non dovrà essere rilevato su tutti i soci, bensì solo su quelli che beneficiano dell’utilizzo del bene. Questa previsione della circolare Agenzia delle Entrate n. 24/2012 va, però, approfondita anche con riferimento ad un’eventuale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU