X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Sconti merce esclusi dalla disciplina delle operazioni a premio

/ Marco PEIROLO

Lunedì, 3 settembre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella prassi commerciale, al raggiungimento di volumi prestabiliti di acquisti viene riconosciuto al cliente uno sconto in natura, costituito dalla cessione gratuita di beni anche di natura diversa da quelli che hanno formato oggetto della cessione principale.

Ai fini IVA, i beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono sono esclusi dalla base imponibile alla duplice condizione, stabilita dall’art. 15, comma 1, n. 2), del DPR n. 633/1972, che la cessione sia prevista dalle originarie condizioni contrattuali e che non riguardi beni soggetti ad aliquota più elevata rispetto a quella dei beni alla cui vendita sono collegati. Ancorché esclusi dalla base di commisurazione dell’imposta, in fattura deve essere indicato il loro valore normale ex art. 21, comma 2, lett. d), del DPR n.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU