X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 17 gennaio 2021

FISCO

Niente liquidazione automatica per il disconoscimento dei crediti IVA

Per l’Agenzia delle Entrate, invece, non serve l’avviso di accertamento, ma basta la comunicazione bonaria

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 17 ottobre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ieri, la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 17754, è tornata ad occuparsi del caso relativo al riporto a nuovo di un credito IVA derivante da una dichiarazione omessa.

Prima di tutto, è stato confermato il principio in forza del quale, una volta che la dichiarazione è stata omessa, non è possibile portare in detrazione il credito che ne deriva nella dichiarazione dell’anno successivo, in quanto il presupposto per il riporto a nuovo è proprio la valida e tempestiva presentazione della dichiarazione.

Oltre a ciò – anche se per una migliore comprensione di quanto è stato inteso sostenere dai giudici sarebbe opportuna una visione di tutti gli atti di causa – sembra proprio sia stato confermato il principio espresso in precedenza dalla sentenza n. 5318 del 2012 (si veda “Credito ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU