X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Con l’inventario fisico, acquisiti elementi probativi sulle rimanenze finali

/ Stefano DE ROSA

Sabato, 5 gennaio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

La verifica dell’esistenza fisica delle giacenze finali di magazzino è una delle principali procedure che vengono organizzate dal revisore in sede di visite di interim (si veda “Per molti incarichi di revisione, inizia la stagione delle procedure di interim” del 14 settembre 2012). A tal proposito, il principio di revisione n. 501 prevede che, qualora le rimanenze siano significative nell’ambito del bilancio, il revisore deve acquisire elementi probativi sufficienti circa la loro esistenza e la loro condizione.

I metodi più comunemente utilizzati dalle aziende per la rilevazione dell’esistenza fisica possono prevedere un inventario fisico effettuato in un’unica soluzione (generalmente in una data prossima alla chiusura dell’esercizio) o, in alternativa, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU