X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

Sospensione legale degli atti della riscossione per tutti i debiti

Lo sostiene la circ. 31/IR del CNDCEC, per la quale le dichiarazioni tardive non sono inammissibili

/ Pasquale SAGGESE

Venerdì, 24 maggio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nuova procedura di sospensione legale degli atti della riscossione introdotta dall’art. 1, commi da 537 a 543 della L. n. 228/2012 (Legge di stabilità per il 2013) sotto la lente della circ. CNDCEC n. 31/IR del 22 maggio 2013.

Si tratta della procedura che consente al debitore di bloccare la riscossione coattiva, avviata nei suoi confronti, presentando all’ente incaricato della riscossione una dichiarazione, debitamente documentata, che attesti che gli atti emessi dall’ente creditore prima della formazione del ruolo, ovvero la successiva cartella di pagamento o l’avviso per i quali si procede sono interessati da vizi relativi alla pretesa creditoria, ovvero alla successiva corrispondente procedura esecutiva.

Detta dichiarazione, da presentarsi entro 90 giorni dalla notifica ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU