Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 4 dicembre 2022

IMPRESA

L’aumento fittizio del capitale condanna sempre la società

Anche senza i presupposti della responsabilità 231, è confiscato il profitto conseguito dalla società e corrispondente alla fraudolenta sopravvalutazione

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 10 giugno 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il fittizio aumento del capitale sociale, con ricadute positive anche in capo alla società, determina – indipendentemente dalla configurabilità della responsabilità ex DLgs. 231/2001 – la confisca del profitto conseguito, rapportabile all’entità della fraudolenta sopravvalutazione.
Sono queste le rilevanti conclusioni cui è possibile giungere in esito alla lettura della sentenza 5 giugno 2013 n. 24557 della Corte di Cassazione.

Taluni dirigenti di una spa quotata ne aumentavano fittiziamente il capitale, incrementando fraudolentemente, per circa 200 milioni di euro, il valore di un pacchetto azionario oggetto di conferimento. A ciò si accompagnava l’attribuzione gratuita di un’azione ogni dieci possedute, attraverso il passaggio a capitale della riserva sovrapprezzo azioni formata ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU