ACCEDI
Giovedì, 25 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Interessi passivi dei leasing da ripartire secondo la durata effettiva del contratto

Secondo la circolare Assonime 17/2013, la sola quota capitale dovrebbe essere suddivisa in base alla durata minima fiscale

/ Gianluca ODETTO

Mercoledì, 12 giugno 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Assonime ha pubblicato ieri la circolare n. 17/2013, che illustra le principali novità che caratterizzano i modelli UNICO 2013 e IRAP 2013. Tra i temi affrontati, il documento analizza ulteriormente il nuovo regime fiscale dei contratti di leasing, a distanza di pochi giorni dall’intervento dell’Agenzia delle Entrate (circolare anch’essa avente n. 17, del 29 maggio).

L’aspetto su cui si concentra la maggiore difformità di vedute tra i due interventi interpretativi riguarda la gestione degli interessi passivi. Come si ricorderà, infatti, nella circolare dell’Agenzia veniva evidenziata la necessità di ripartire lungo la “durata minima fiscale” del contratto il canone nella sua unitarietà (quota capitale e quota interessi), e non la sola quota capitale, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU