X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Accertamento «più garantista» nel redditometro

Per la circolare 24/2013, occorre motivare perché sono state disattese le deduzioni difensive del contribuente

/ Alfio CISSELLO

Venerdì, 2 agosto 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la circolare 24/2013 sono stati divulgati i primi chiarimenti sull’applicazione del “nuovo” redditometro, chiarimenti che concernono tanto il versante procedurale quanto le modalità di determinazione del reddito.

Prima di analizzare, in successivi interventi, alcuni temi interessanti come l’ambito concreto della prova contraria e la valenza delle tanto criticate medie ISTAT, è bene schematizzare quale sarà il procedimento utilizzato dagli uffici che condurrà all’emanazione dell’accertamento sintetico.

Alla luce dell’art. 38 del DPR 600/73, vi sarà un “doppiocontraddittorio, siccome in un primo momento il contribuente sarà destinatario di un invito a comparire ex art. 32 del DPR 600/73, con  il quale egli sarà chiamato a giustificare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU