ACCEDI
Mercoledì, 21 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Perdite su crediti, verifica del modesto importo in base al singolo credito

Si tratta di uno dei chiarimenti forniti dalla circ. 26 dell’Agenzia sulla deducibilità, per le modifiche apportate all’art. 101 comma 5 del TUIR

/ Luca MIELE

Venerdì, 2 agosto 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

La circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 26 di ieri contiene una serie di chiarimenti in merito alla deducibilità delle perdite su crediti, anche alla luce delle modifiche apportate all’art. 101, comma 5 del TUIR dal DL 83/2012.

Punto particolarmente critico è il nuovo regime dei crediti di modesto importo e scaduti da almeno sei mesi. Atteso era il parere dell’Agenzia in ordine all’individuazione della modesta entità del credito, soprattutto laddove esistano più posizioni creditorie nei confronti del medesimo soggetto debitore. In via generale, la circolare precisa che la verifica del limite quantitativo deve essere effettuata in relazione al singolo credito corrispondente ad ogni obbligazione posta in essere dalle controparti, indipendentemente dalla circostanza che,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU