X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

Amministrazioni pubbliche fuori dallo «spesometro»

Per gli anni 2012 e 2013, la comunicazione è esclusa anche per le operazioni riconducibili alla sfera commerciale. Nulla di fatto per tutti gli altri

/ Marco PEIROLO

Mercoledì, 6 novembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per gli anni 2012 e 2013, lo Stato, le Regioni, le Province, i Comuni e gli altri organismi di diritto pubblico sono esclusi dall’obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA di cui all’art. 21 del DL n. 78/2010 (c.d. “spesometro”).
A stabilirlo è il provvedimento dell’Agenzia dell’Entrate n. 128483 di ieri, con il quale viene abrogato il punto 2.2 del provvedimento 2 agosto 2013, n. 94908, che limitava l’esonero alle operazioni, attive e passive, relative all’attività istituzionale, diverse cioè da quelle riconducibili all’esercizio dell’attività commerciale, così come definita dall’art. 4 del DPR n. 633/1972.

La finalità dell’intervento è identica a quella già perseguita, per gli anni 2010 e 2011, dal

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU