Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Operazioni inesistenti, la prima prova spetta al Fisco

Solo una volta forniti gli elementi, l’onere probatorio si sposta sul contribuente, che deve dimostrare effettività e inerenza dell’operazione

/ Alessandro BORGOGLIO

Venerdì, 13 dicembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, con la sentenza 27840 di ieri, è intervenuta nuovamente in materia di operazioni inesistenti, confermando il suo consolidato orientamento secondo cui, ai fini della dimostrazione dell’inesistenza delle operazioni, l’onere probatorio ricade prioritariamente sul Fisco, il quale deve fornire idonei elementi, anche presuntivi, tesi a provare che le operazioni in contestazione non sono state effettivamente poste in essere. Soltanto dopo aver allegato tale dimostrazione, l’onere probatorio si sposta sul contribuente, che deve esibire, quindi, gli elementi a riprova dell’esistenza delle operazioni stesse.

Dal tessuto motivazionale della pronuncia emerge che la tenuta delle scritture e dei documenti contabili, utilizzati per la presentazione delle dichiarazioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU