X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Il sindaco inerte non risponde di omessa comunicazione di conflitto di interessi

Il mero atteggiamento passivo, rispetto alla mancata dichiarazione degli interessi in conflitto, non è, in sé, rappresentativo di un sostegno

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 13 gennaio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il reato di omessa comunicazione del conflitto di interessi, di cui all’art. 2629-bis c.c., è determinato, prima ancora che dall’evento di pregiudizio per la società, dalla condotta di violazione degli obblighi (di disclosure) relativi al conflitto stesso di cui all’art. 2391 c.c. ; rispetto a tale condotta il mero atteggiamento passivo degli altri amministratori o dei sindaci interviene come fatto susseguente ed in sé non rappresentativo di un sostegno, anche solo di carattere morale, alla violazione. È questo il principio di diritto desumibile dalla sentenza 8 gennaio 2014 n. 563 della Corte di Cassazione.

Ai sensi dell’art. 2391 comma 1 c.c., l’amministratore deve dare notizia agli altri amministratori e al collegio sindacale di ogni interesse che, per conto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU